L’efficacia dello screening citologico nel prevenire l’adenocarcinoma della cervice uterine, rispetto al carcinoma squamoso

Zappa M, Visioli CB, Ciatto S, Iossa A, Paci E, Sasieni P.

L’efficacia dello screening citologico nel prevenire l’adenocarcinoma della cervice uterine, rispetto al carcinoma squamoso, è stata valutata mediante uno studio caso controllo in provincia di Firenze. La probabilità (odds ratio) per donne che si sono sottoposte ad un Pap test entro 3 anni prima della data indice è risultata essere rispettivamente dello 0.65 (intervallo di confidenza al 95 % 0.26-1.64) per l’adenocarcinoma e dello 0.15 (IC 95% 0.07-0.31) per il carcinoma squamoso. La durata dell’effetto protettivo è risultata più breve in donne al di sotto dei 40 anni di età rispetto alle donne in età superiore.

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta - Per maggiori informazioni.

Accetto i cookie per questo sito.